Costruire un efficiente struttura di archiviazione digitale

PREFAZIONE:

Un’archiviazione è una struttura che applica la metodica secondo la quale organizziamo i nostri dati.
Che siano essi organizzati per data, per cartelle numeriche o aggiunti in un’unica cartella la nostra archiviazione dovrà far fronte alla necessità di collegare i software che usiamo con l’hardware necessario ad eseguire le operazioni necessarie nel minor tempo possibile e deve prevedere una ridondanza dati ed una copia di backup

STRUTTURA DI ARCHIVIAZIONE DI BASE

Iniziamo con quello che per definizione è un sistema di archiviazione base. Questo è sufficiente per la maggior parte degli utenti. Prevede una quantità di dati quantificabile totalmente in termini di centinaia di Gigabyte. In questo caso l’archivio e il disco di lavoro sono la stessa entità. Questo è un sistema di archiviazione economico o, dato che non sono necessari molti TB di spazio, realizzabile con dischi veloci SSD piuttosto che con Dischi meccanici

Computer Centrale

Dove risiede Sistema Operativo e software, ma non i dati.
Al fine di evitare disastri irrecuperabili i dati sui quali lavoriamo e l’archivio sono SEMPRE al di fuori del disco che ospita il sistema operativo

Hard disk di lavoro/Archivio

Può essere interno o esterno al Computer ma sempre separato dall’OS. Se si vuole aggiungere un primo stadio di protezione è consigliabile lavorare sul una piattaforma RAID che preveda una perdita di 1-2 dischi

Disco di Backup/Cloud Backup

Una copia dei dati del disco di lavoro, sia esso un semplice disco o un RAID. Tendenzialmente viene conservato in un luogo differente da quello in cui si trova il computer al fine di evitare alcune delle problematiche più comuni

STRUTTURA DI ARCHIVIAZIONE PROFESSIONALE

In ambito professionale è necessario usufruire di un sistema di archiviazione più complesso al fine di tutelare il proprio workflow in maniera più completa inserendo un livello di protezione lungo tutta la struttura di archiviazione. Ecco dunque che l’archivio è un sistema RAID 1 o 10 separata dal disco di lavoro.
Sarebbe consigliabile una copia anche dell’archivio, almeno dei dati che non possiamo perdere per nessuna ragione

Computer Centrale

Dove risiede Sistema Operativo e software, ma non i dati.
Al fine di evitare disastri irrecuperabili i dati sui quali lavoriamo e l’archivio sono SEMPRE al di fuori del disco che ospita il sistema operativo

Hard disk di lavoro

Può essere interno o esterno al Computer ma sempre separato dall’OS. Se si vuole aggiungere un primo stadio di protezione è consigliabile lavorare sul una piattaforma RAID che preveda una perdita di 1-2 dischi

Disco di Backup/Cloud Backup

Fondamentale in TUTTI i sistemi che includono dati sensibili, è una copia dei dati del disco di lavoro, sia esso un semplice disco o un RAID. Tendenzialmente viene conservato in un luogo differente da quello in cui si trova il computer al fine di evitare alcune delle problematiche più comuni

Archivio RAID 1/10

L’archivio è composto da un array RAID 1 o (meglio)10 che ci da la possibilità di poter prevedere una rottura hardware del disco.
Il RAID di archiviazione non deve essere necessariamente molto veloce, sono anzi consigliabili dischi meccanici con una velocità di rotazione di 5400RPM, i dischi più indicati sono  quelli per server o NAS come i WD RED, i Seagate IronWolf o i Toshiba serie N, molto resistenti e capaci di sopportare un carico di lavoro continuo e prolungato

STRUTTURA DI ARCHIVIAZIONE PROFESSIONALE AVANZATA

In ambito professionale è necessario usufruire di un sistema di archiviazione più complesso al fine di tutelare il proprio workflow in maniera più completa inserendo un livello di protezione lungo tutta la struttura di archiviazione. Ecco dunque che l’archivio è un sistema RAID 1 o 10 separata dal disco di lavoro.
Sarebbe consigliabile una copia anche dell’archivio, almeno dei dati che non possiamo perdere per nessuna ragione

Computer Centrale

Dove risiede Sistema Operativo e software, ma non i dati.
Al fine di evitare disastri irrecuperabili i dati sui quali lavoriamo e l’archivio sono SEMPRE al di fuori del disco che ospita il sistema operativo

Disco di Backup OS

Questo backup permette di ripristinare il nostro OS allo stato precedente a qualsiasi problematica o eventualità. Il Backup ottimale deve prevedere più copie organizzate secondo ordine cronologico. Gli utenti Mac possono utilizzare Time Machine, l’ottima utility integrata nel Sistema. Gli utenti Windows invece devono stare alla larga dalla funzione di ripristino integrata e provvedere tramite l’ausilio di software terzi alla creazione di un backup periodico.

Hard disk di lavoro/Archivio

Esterno al Computer è composto da un RAID 1 basato su dischi SSD. Questo offre prestazioni senza compromessi, utilizzando una connessione TB3 o USB 3.1 infatti sfrutteremo tutta la velocità offerta da questi dischi superando di gran lunga i dischi meccanici interni e avendo allo stesso tempo una copia diretta e sempre aggiornata delle modifiche eseguite sui nostri files durante la post

Disco di Backup/Cloud Backup

La copia del nostro RAID di lavoro. Tendenzialmente viene conservato in un luogo differente da quello in cui si trova il computer al fine di evitare alcune delle problematiche più comuni. Il disco consigliato è un veloce ssd esterno della stessa capacità (o maggiore) del disco di lavoro. Anche in questo caso saremo noi periodicamente a sviluppare un backup o provvedere a ciò attraverso l’uso di un software

Archivio RAID 1/10

L’archivio è composto da un array RAID 1 o (meglio)10 che ci da la possibilità di poter prevedere una rottura hardware del disco.
Il RAID di archiviazione non deve essere necessariamente molto veloce, sono anzi consigliabili dischi meccanici con una velocità di rotazione di 5400RPM, i dischi più indicati sono  quelli per server o NAS come i WD RED, i Seagate IronWolf o i Toshiba serie N, molto resistenti e capaci di sopportare un carico di lavoro continuo e prolungato

Backup Archivio

Grazie all’esiguo costo degli HDD possiamoo permetterci di effettuare una copia del nostro archivio per poter conservare una copia dello stesso in un luogo sicuro ed affidarsi con molta più tranquillità al RAID 10 che già offre due dischi di tolleranza. Personalmente conservo una copia dell’Archivio e, ogni anno, provvedo ad eseguire un backup dei lavori effettuati (normalmente 1-3TB di dati) così da conservare un archivio dati già organizzato per anno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *